Tutti li vogliono, tutti li cercano: sono gli STEM e proiettano le aziende nel futuro

Trovarli è complicato. Meglio rivolgersi a esperti in Information Technology Recruitment, come Techyon

Tutti li vogliono, tutti li cercano: sono gli STEM e proiettano le aziende nel futuro
Jacopo Tonelli, managing partner di Techyon

Il mercato del lavoro è affamato di figure con competenze STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics), perché possono risollevare le sorti di contesti lavorativi destinati a implodere rovinosamente. Tuttavia… non c’è trippa per gatti. È un dato messo in evidenza nei “Future of Jobs Reports” del World Economic Forum e confermato all’unisono da numerosi Osservatori di recente pubblicazione, tra cui l’Osservatorio Fondazione Deloitte RiGeneration STEM, Le competenze del futuro passano da scienza e tecnologia. È ancora molto marcato, a livello globale, il divario tra numero di laureati e richiesta di competenze in questi settori. Come fare, allora? A chi rivolgersi?

Tiscali News ha intervistato Jacopo Tonelli, managing partner di Techyon, il primo Head Hunter italiano specializzato nella ricerca e selezione di professionisti e manager nel segmento Information Technology, per approfondire metodo di ricerca e skills dei candidati.

Jacopo, diamo ai lettori qualche indicazione in più sulla vostra società: mission, vision, competenze del team (dal sito emerge il ruolo importante giocato dalle giovani leve e, soprattutto, dalle donne). Anche un po’ di numeri, se possibile.

“Techyon è il primo Head Hunter italiano esclusivamente specializzato nella ricerca e selezione di professionisti e manager nel segmento Information Technology.  La nostra organizzazione agisce sul mercato del lavoro IT con un approccio esclusivo e dedicato volto ad individuare le migliori competenze tecnologiche e digitali. La nostra Value Proposition è verticale, specifica, unica: siamo Information Technology Recruitment Experts. Viviamo da protagonisti la rivoluzione digitale, crediamo fermamente nel valore della tecnologia, interveniamo sul mercato con l’obiettivo di allineare il mismatch tra domanda e offerta in ambito IT. 

Un ruolo centrale in Techyon è certamente affidato alle donne, siamo fieri di definirci “un’azienda a trazione femminile”: basti pensare che, ad oggi, il 70% del nostro organico è costituito da risorse di sesso femminile e che il 90% delle posizioni manageriali è ricoperto da donne. I dati indicati non sono frutto di scelte volontarie ma il risultato di un’attività di recruitment esclusivamente meritocratica”.

In ambito IT, il mercato del lavoro è condizionato da dinamiche particolari, lontane dall’approccio mass-market. Quali i punti di forza della vostra metodologia di recruitment? In che modo affiancate le aziende nella ricerca del profilo più idoneo?

“I collaboratori di Techyon sono recruiter esclusivamente specializzati nella ricerca di personale IT, hanno conoscenze tecniche avanzate e sono in grado di instaurare un dialogo “alla pari” con i candidati. Sanno identificare e comprendere bene le richieste delle aziende, capiscono in profondità quali sono le loro necessità tecnologiche e sono autorevoli verso i candidati, i quali ci accreditano e ci riconoscono come un interlocutore preparato, capace di percepire il loro valore.

Il nostro non è affatto un approccio generalista, bensì un approccio verticale ed esclusivo. Siamo focalizzati esclusivamente nel segmento Information Technology”.

Quali i settori industriali che, negli ultimi mesi, hanno accelerato la ricerca di profili STEM e quali competenze sono maggiormente richieste?

“Stiamo riscontrando da tempo una marcata tendenza di mercato che accomuna in maniera trasversale il mondo dell’Industrial e del Manufacturing, che sta decisamente puntando sull’inserimento di profili STEM, con l’obiettivo di rivoluzionare i tradizionali processi produttivi grazie all’importante contributo offerto dalla tecnologia. Si ricercano dunque professionisti con un background tecnico estremamente specifico e variegato, dedicati principalmente agli ambiti del Machine Learning, dell’IoT o dell’Industry 4.0.

L’Information Technology è destinata ad avere un ruolo sempre più determinante in questo scenario, trovandosi a collaborare in assoluta sinergia con le differenti aree aziendali e determinando un radicale cambio paradigmatico: da mera funzione a supporto del business, l’IT sta diventando fulcro trainante dell’innovazione; è in tal senso sempre più comune il concetto di Innovation Technology”.

Come, invece, affiancate il candidato? La possibilità di lavoro da remoto ha incrementato il numero di posizioni coperte? Le candidature provengono anche dall’estero?

“I nostri Recruitment Engineers intervengono sul mercato con autorevolezza, grazie a un know how d’eccellenza e al supporto di strumenti tecnologici proprietari, appositamente concepiti per gestire con efficacia ogni tipologia di selezione afferente al segmento IT&Digital. Supportano i candidati con un approccio fortemente consulenziale e li guidano sapientemente durante l’intero iter di selezione, sapendo coniugare domanda di mercato e aspettative al cambiamento.

Riguardo alla seconda domanda, sì, stiamo riscontrando un aumento delle posizioni IT coperte legato alla diffusione dello smart working e del telelavoro. La possibilità di offrire un’occupazione full remote ha evidentemente agevolato le aziende nella finalizzazione di un numero maggiore di posizioni. Per quanto riguarda le candidature, assolutamente sì, le candidature intercettate da Techyon provengono anche dall’estero. A livello internazionale sono molti gli hub tecnologicamente avanzati cui andiamo ad attingere”.

Jacopo, Techyon opera a Milano, prevalentemente in Lombardia. Siete partner per l’Italia di ER International, network globale di consulenti HR. Prevedete, in futuro, di espandervi su tutto il territorio nazionale e approdare all’estero? 

“Techyon ha sede a Milano, ma i nostri Recruitment Engineers agiscono diffusamente su tutto il territorio nazionale. Grazie poi alla partnership con ERI, il network di società indipendenti di ricerca e selezione operative in tutto il mondo, siamo in grado di avviare collaborazioni a livello globale e di soddisfare le esigenze di selezione di organizzazioni di varie dimensioni con sedi in differenti Paesi.

Garantiamo una capability di respiro internazionale e tutti i nostri Recruitment Engineers parlano più lingue: un aspetto importante, soprattutto in vista dell’apertura delle nuove sedi a livello europeo. Nel 2021 è infatti prevista l’apertura di Techyon Spagna, con sede a Madrid, dopodiché ci posizioneremo nel mercato francese e tedesco entro il 2025, con l’apertura di sedi a Parigi e Berlino”.