Tiscali.it
SEGUICI

La storia di due africani che hanno superato i pregiudizi per costruire una startup che vale miliardi

Una coppia di ventenni dell'Uganda e del Ghana ha pensato che si potesse fare una fortuna portando servizi finanziari transnazionali a 1,2 miliardi di persone in Africa. Con 5 milioni di utenti, Chipper Cash, con sede a San Francisco, è solo all'inizio.

Alice Bellantedi Alice Bellante   
Come due africani hanno superato i pregiudizi per costruire una startup che vale miliardi
I 2 fondatori di Chipper Cash

Chipper Cash è una startup di San Francisco fondata nel 2018 che opera nel mercato FinTech. L'azienda mira a rendere più facile per le persone in Africa spostare il proprio denaro. Questo obiettivo viene raggiunto attraverso l'offerta di trasferimenti gratuiti e commissioni ridotte per lo spostamento di denaro attraverso i confini. Questi trasferimenti vengono effettuati rapidamente e creano un migliore ecosistema monetario nel continente.

Dalla sua fondazione, la startup ha raccolto un'enorme quantità di finanziamenti, per un totale di 337,2 milioni di dollari. Questo finanziamento è stato ottenuto grazie al sostegno di venticinque investitori e contribuisce all’obiettivo di migliorare la finanza in Africa.

La storia di Chipper Cash inizia nell'estate del 2018, quando Ham Serunjogi, un immigrato ugandese di 24 anni, pensava che la presentazione che stava facendo ad una società di venture capital di Palo Alto stesse andando bene. Aveva spiegato come la sua startup fintech, Chipper Cash, avrebbe permesso ai consumatori africani di inviarsi denaro l'un l'altro, attraverso i confini nazionali, in modo più economico e semplice rispetto all'antiquato sistema bancario, una sorta di Venmo per il continente.

Poi è arrivata la domanda di uno dei soci: "Perché non andate a cercare donazioni e sovvenzioni per finanziare tutto questo?". Perché, ha risposto Serunjogi, questa sarà un'attività a scopo di lucro. L'ignaro socio ha insistito: "Perché non parla con l'Unicef o con una società di impact investing?". Serunjogi rifiuta discretamente di fare il nome dell'azienda o di dire quale società di venture capital gli ha poi detto che "a prescindere dalle metriche, devo applicare uno sconto a questa attività perché è in Africa".

Quei ricordi fanno ancora male, anche se Chipper Cash ha raccolto più di 300 milioni di dollari da una serie di importanti società di venture, l'ultima delle quali con una valutazione di 2,2 miliardi di dollari. "Erano cose che dovevo accettare a muso duro. Ma era scandaloso, e lo è ancora", dice Serunjogi dall'ufficio di San Francisco dove risiedono lui, il cofondatore Maijid Moujaled e quasi un quinto dei 350 dipendenti dell'azienda.

I due fondatori hanno ciascuno una quota stimata del 10% in Chipper, che si traduce in un patrimonio cartaceo di oltre 200 milioni di dollari.

Sheel Mohnot, ex partner di 500 Startups - il primo finanziatore di Chipper Cash - attribuisce la resistenza dei primi investitori all'ignoranza sull'Africa. "All'epoca nessuno investiva in Africa", dice. La situazione è cambiata. Secondo CB Insights, lo scorso anno i venture capitalist hanno investito 1,5 miliardi di dollari in società fintech africane, con un aumento di sette volte rispetto al 2020. Gli africani subsahariani hanno oggi 605 milioni di conti di moneta mobile registrati, con i quali possono inviare contanti via SMS, rispetto ai 469 milioni del 2018. Questo rende l'area un terreno fertile per applicazioni finanziarie più avanzate per i consumatori.

Quattro anni dopo la sua fondazione, Chipper Cash ha 5 milioni di utenti registrati in sette Paesi, tra cui Uganda, Ghana e Nigeria. Offre non solo trasferimenti di denaro a basso costo, ma anche pagamenti di bollette, trading di criptovalute e la possibilità di acquistare azioni statunitensi. Escludendo le transazioni in criptovalute, nel 2021 ha registrato un fatturato di oltre 75 milioni di dollari, rispetto ai 18 milioni del 2020.

L'idea di Chipper Cash è nata quando Serunjogi, in età liceale, ha visto i problemi incontrati da suo padre nel tentativo di spostare il denaro attraverso il sistema bancario ossificato dell'Africa. La famiglia di Serunjogi viveva a Gayaza, una città ugandese a 10 miglia da Kampala, la capitale. I suoi genitori possedevano un'azienda agricola e il padre gestiva anche un'attività informatica che aiutava le imprese locali a creare reti. Pur non essendo ricca, la famiglia ha mandato Serunjogi e i suoi due fratelli in una scuola superiore privata e li ha iscritti a un club di nuoto agonistico. Nel 2010, Serunjogi, all'epoca sedicenne, è entrato nella squadra olimpica giovanile ugandese. Dopo aver avuto problemi nel completare un bonifico bancario, suo padre fu costretto a volare in Sudafrica con una busta piena di contanti per pagare l'allenatore di nuoto del figlio mentre si allenavano lì.

Dopo la scuola superiore, Serunjogi ha seguito il fratello maggiore a Grinnell, un piccolo college di arti liberali dell'Iowa noto per i suoi solidi studi accademici, dove entrambi hanno praticato il nuoto. A Grinnell ha incontrato Moujaled, un ghanese laureato in informatica che aveva fondato un popolare gruppo di coding studentesco. Quasi subito i due hanno iniziato a parlare di sviluppare un'applicazione per il trasferimento di denaro africano. Ma prima volevano un'esperienza tecnologica reale e avevano bisogno di un visto di lavoro. Così, durante il terzo anno, Serunjogi ha inviato e-mail a Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg e ha ottenuto uno stage con Facebook, che si è trasformato in un lavoro a tempo pieno a Dublino dopo la laurea nel 2016.

Nella primavera del 2018, Serunjogi ha mandato un messaggio a Moujaled, che lavorava come ingegnere informatico a San Francisco, per dirgli che era arrivato il momento di partire. Serunjogi ha lasciato il suo lavoro e si è trasferito nel monolocale di Moujaled, dormendo su un materasso gonfiabile nell'angolo cottura. I due hanno usato i loro risparmi, meno di 30.000 dollari, e lo stipendio di Moujaled come capitale iniziale. Hanno lanciato una versione di prova della loro app nel luglio 2018, consentendo ai clienti di inviare denaro dall'Uganda al Ghana gratuitamente.

Hanno presentato la loro proposta a più di 50 società di capitale di rischio finché, nel novembre 2018, 500 Startups ha accettato di investire 150.000 dollari. Prima della firma dei documenti, Mohnot ha versato 40.000 dollari a Chipper dopo che Serunjogi gli aveva detto che stava per perdere l'affitto. "Gli sarò eternamente grato per questo", dice Serunjogi.

L'applicazione gratuita e facile da usare di Chipper è stata un grande miglioramento rispetto alle alternative disponibili. Ad esempio, M-Pesa, lanciato in Kenya nel 2007, fa pagare dall'1% al 2% per molti trasferimenti nazionali.

A metà 2019 Chipper Cash era disponibile in Uganda, Ghana, Kenya e Ruanda. Si è presto espansa in Nigeria, il più grande mercato africano con oltre 200 milioni di persone, e alla fine dell'anno contava 600.000 clienti. Ha anche introdotto una commissione di ricarico sul cambio estero tra il 2% e il 5% per iniziare a generare entrate. Quando il bitcoin è salito da 14.000 a 20.000 dollari nell'autunno del 2020, Chipper ha iniziato a consentire agli utenti di acquistare e vendere bitcoin ed ether, stabilendo una seconda linea di business redditizia: le commissioni di trading. Alla fine del 2021 ha raggiunto una valutazione di 2,2 miliardi di dollari, con investimenti da parte di aziende come FTX di Sam Bankman-Fried, Ribbit Capital e Bezos Expeditions. Le transazioni sono passate da 200 milioni di dollari nel primo trimestre del 2021 a 1,6 miliardi di dollari 12 mesi dopo.

Alice Bellantedi Alice Bellante   

I più recenti

VideoGames: e-sport per migliorare la formazione delle giovani menti
VideoGames: e-sport per migliorare la formazione delle giovani menti
SonicJobs, la startup italo-indiana che vuole conquistare il mercato americano della ricerca di lavoro online  
SonicJobs, la startup italo-indiana che vuole conquistare il mercato americano della ricerca di lavoro online 
FoodTech: Rumin8 e Fable Food due soluzioni innovative per la sostenibilità ambientale e alimentare
FoodTech: Rumin8 e Fable Food due soluzioni innovative per la sostenibilità ambientale e alimentare
Danimarca terreno fertile per l’innovazione: Algiecel trasforma CO2 in opportunità commerciali
Danimarca terreno fertile per l’innovazione: Algiecel trasforma CO2 in opportunità commerciali
thunderbird

Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Sergio d'Arpa

Esperto di supercalcolo, fondatore e CEO di Klinik Sankt Moritz AG, la prima...

Simone Trebbi

Racconta imprese innovative e sostenibili, capaci di avere un impatto concreto...

Carlo Occhinegro

Scrive di storie dell'innovazione, dei protagonisti del mondo dell'imprenditoria...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo digitale.

Innova Italia

Storie, persone, idee del mondo imprenditoriale italiano che guarda al futuro