Farmacia 4.0: gamification e tecnologia per formare i farmacisti del futuro

Al via Academy, il percorso formativo per farmacisti che vogliano fare impresa e aprirsi alle novità tecnologiche

Farmacia 4.0: gamification e tecnologia per formare i farmacisti del futuro

La farmacia si è trasformata in una vera e propria azienda, non più un’attività a gestione familiare, ma un’impresa con numerosi dipendenti, ognuno con ruolo e competenze specifiche. Necessario, quindi, essere al passo con i tempi, evolversi da distributore di farmaci ad innovativo check point salute per garantire alla propria clientela un servizio all’avanguardia e di elevato standard qualitativo.

Servizi Farmacia Italia, “la prima società italiana di farmacisti titolari per farmacisti titolari”, è nata una decina d’anni fa dalla volontà di far dialogare tra loro le farmacie sparse sul territorio per confrontarsi in maniera proficua sulle diverse esperienze e metodologie di lavoro. Attivi dal 2010, i workshop e i corsi di Formazione ECM di Servizi Farmacia Italia si avvalgono della collaborazione di Federfarma.

Tecnologia, social media, e-commerce entrano a far parte del patrimonio di conoscenze e competenze degli operatori del settore. Conoscenze che, se mal gestite, rischiano di trasformarsi in un boomerang per l’affidabilità della farmacia. Giuseppe Tura, farmacista formatore e founder di Servizi Farmacia Italia, racconta a Tiscali News come sia possibile introdurre elementi innovativi nella formazione professionale dei farmacisti targettizzando le competenze in maniera concreta.

Tura, come farmacista imprenditore, che tipo di evoluzione ha colto nel settore di sua competenza e che ruolo gioca la tecnologia nell’esplorare nuovi orizzonti di business?

“La farmacia come istituzione aziendale è una delle più antiche in Italia regolata da leggi vecchissime e come tale non ha seguito una curva evolutiva in corrispondenza di tutto quello che oggi viviamo in altri settori. La pandemia Covid ha evidenziato una serie di grandi criticità all’interno della farmacia ma soprattutto nel comparto innovativo. Solo alcuni farmacisti titolari, diciamo quelli più illuminati, hanno saputo evolversi sia nella struttura sia nell’organizzazione aziendale. Servizi Farmacia Italia nasce proprio per sopperire a queste mancanze strutturali cercando, con la formazione innovativa, di fornire strumenti importanti sia organizzativi che strutturali ai farmacisti che vogliono stare al passo con i tempi e credo che, con fatica e passione, stiamo riuscendo nel nostro intento”.

Come formatore, invece, cosa è cambiato, dal suo punto di vista, in una decina d’anni di attività, nelle metodologie di insegnamento?

“In principio erano solo corsi formativi scientifici o di carattere puramente didattico. Ad un certo punto ho compreso che derivavano dall’interno del mondo farmacia. Dovevo e potevo fare di più. Per cui ho iniziato a sperimentare la formazione innovativa con Lego Serious Play applicato al mondo farmacia ed ho scoperto un nuovo approccio innovativo alle problematiche, che si basa sull’impiego dei mattoncini Lego per sviluppare il pensiero, la comunicazione e la risoluzione di problemi complessi di gestione aziendale.

Siamo diventati facilitatori della metodologia applicandola sia alle problematiche interne della farmacia che ai team delle aziende del settore che volevano innovarsi internamente. Siamo stati i primi in Italia, e non è stato facile perché in molti non riuscivano a capire la nostra mission. Oggi invece alcuni grandi brand del settore si stanno ispirando alle nostre metodologie e la nostra attività è molto più apprezzata e compresa”.

L’approccio ludico, o gamification, è una metodologia di insegnamento/apprendimento ormai consueta in diversi ambiti aziendali. Che tipo di obiettivo si pone e con quali risultati nel contesto della vostra Academy? 

“La gamification ha l’obiettivo di formare stimolando la parte ancestrale del nostro cervello ovvero l’uso delle mani per attivare delle parti del cervello che da adulti non usiamo più. Lego Serious Play è l’esempio principe di questo principio. Qualsiasi metodologia innovativa di gamification ha lo scopo di far vivere in modo pratico il problema, di condividerlo con altri colleghi con le stesse problematiche ed insieme trovare una soluzione pratica e di immediata realizzazione. Il nostro primo esperimento di Academy 2020, pur essendo stato fortemente minato dall’emergenza sanitaria, è stato un grande successo costruito con corsi esclusivi svolti con metodologie di formazione innovative: oltre a Lego Serious Play, utilizziamo Mapps, una metodologia di apprendimento organizzativo che utilizza le mappe cartografiche per la riorganizzazione aziendale supportando i programmi di change management a qualunque scala organizzativa favorendo la condivisione degli obiettivi, la definizione di una roadmap, il monitoraggio e il raggiungimento dei risultati e Pills, metodologia da noi brevettata di visual business di confronto ma soprattutto di analisi introspettiva visiva ideata specificamente per il processo innovativo della farmacia moderna”.

Tura, diamo un po’ di numeri ai lettori. Servizi Farmacia Italia ha sedi a Napoli, Milano e Cosenza e il vostro fatturato è in costante crescita.

“Da 10 anni anche grazie alla continua e costante ricerca di servizi innovativi da offrire alla farmacia in affiancamento alla formazione innovativa abbiamo avuto una costante crescita di fatturato con un aumento ogni anno tra il 10 ed il 15 %. Grazie anche al sempre crescente numero di farmacisti che ci seguono e che partecipano alle nostre numerose iniziative non solo di corsi one-shot ma anche di workshop formativi da 3 a 4 giorni in suggestive location italiane”.

La pandemia ha costretto molte realtà che basano il proprio business sulla formazione ad attrezzarsi “da remoto”. I vostri corsi e workshop sono frequentabili anche a distanza?

“Il punto di forza della formazione innovativa basata sulla gamification è la partecipazione, il confronto, la condivisione e questo si può fare bene solo ed esclusivamente in presenza anche perché sono corsi progettati per un massimo di 10/14 partecipanti per sessione per cui tecnicamente noi, seguendo il protocollo di sicurezza COVID-19, abbiamo ugualmente continuato la nostra attività anche se ovviamente abbiamo avuto una adesione minore proprio per la preoccupazione derivante dall’emergenza sanitaria. Per alcune metodologie come Mapps e Pills stiamo per lanciare una piattaforma online dove potremo continuare la formazione anche a distanza”.

Avete anticipato, in passato, molte tendenze e strategie divenute poi indispensabili per le farmacie, ad esempio l’omnicanalità e il marketing online. Cosa prevedete nel futuro delle farmacie?

“Servizi farmacia Italia, ha iniziato il suo percorso “innovativo” circa 9 anni fa, puntando a tutti i servizi innovativi che la rete poteva fornire e che erano associabili al mondo farmacia. Il futuro ci riserva moltissime sorprese, alcune delle quali già in atto. Purtroppo il mondo farmacia necessita di tempo per assimilare le novità e rischia di arrivare in ritardo rispetto al mercato. La corsa all’aggiornamento deve essere costante e ci si augura i farmacisti vogliano tenere il passo. Nel frattempo, noi continueremo la nostra mission di traghettare innovazione nel mondo farmacia fiduciosi del fatto che un numero crescente di colleghi capisca l’importanza di ciò che proponiamo e lo metta in atto”.