Tiscali.it
SEGUICI

Il grande business del futuro? Ce lo dice l’incredibile progetto di Bryan Johnson

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   

Bryan Johnson è un personaggio poco noto in Italia ma negli Stati Uniti è una celebrità. Dopo aver raggiunto il successo imprenditoriale ha deciso di lanciarsi in un progetto unico e incredibile: invertire la sua età biologica per tornare ad avere quella di un diciottenne.

Il progetto si chiama Blueprint e prevede uno stile di vita rigoroso: dieta meticolosa, duro esercizio fisico, sonno ottimale, integratori e monitoraggio continuo degli indicatori di salute e invecchiamento. Johnson racconta la sua routine quotidiana sui social network e così si sa che ogni giorno ingerisce più di 100 pillole, va a letto puntualmente alle otto e mezzo di sera e si sveglia alle 5, applica sette creme per contrastare gli effetti del sole sulla pelle, colpisce i muscoli con impulsi elettromagnetici e si sottopone a trasfusioni con il sangue del figlio.

Johnson è entusiasta. Sostiene di aver già migliorato oltre 50 biomarcatori associati all’invecchiamento e alla salute. Ha 46 anni ma il suo cuore è analogo a quello di un 37enne, i suoi livelli atletici sono paragonabili a quelli di un 18enne e quelli infiammatori a quelli di un bambino di 10 anni. Definisce il suo esperimento “la più significativa rivoluzione nella storia dell’homo sapiens”.

La tentazione di liquidare Blueprint come la stravaganza di un milionario americano è forte ma sarebbe un errore perché il business della longevità è una cosa seria che sta attirando l’interesse dei più importanti capitalisti della Silicon Valley.

La lista degli imprenditori che sta investendo in startup biotecnologiche è lunga:  il fondatore di Amazon Jeff Bezos, il fondatore di Meta Mark Zuckerberg, il fondatore di OpenAI Sam Altman, il fondatore di Oracle Larry Ellison, i fondatori di Google Sergey Brin e Larry Page.

L’ottimismo è legato ai progressi della genetica e della biologia cellulare che hanno fornito agli scienziati un quadro più chiaro sulle cause dell’invecchiamento e dunque la conoscenza per sviluppare tecnologie efficaci per mantenere le persone in salute anche quando invecchiano e allungare la durata della vita umana. 

Ottimismo ampiamente condiviso nelle classi sociali più ricche. Da una ricerca condotta dalla banca svizzera UBS è emerso che il 53% delle persone che ha da investire almeno 1 milione di dollari è convinto di arrivare a 100 anni di vita.

E c’è chi non si accontenta neppure di questo. Uno degli imprenditori più visionari della Silicon Valley, il fondatore di PayPal, Peter Thiel, si è spinto ad affermare  che “niente è più lontano dalla verità” che il dichiarare “che la morte è naturale e fa parte della vita”.

 

 

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   

I più recenti

Negli Stati Uniti sono già partiti i licenziamenti di massa a causa dell’AI. La teoria di Zuckerberg
Negli Stati Uniti sono già partiti i licenziamenti di massa a causa dell’AI. La teoria di Zuckerberg
L’Intelligenza Artificiale è già realtà: le 4 minacce che coinvolgono tutti
L’Intelligenza Artificiale è già realtà: le 4 minacce che coinvolgono tutti
thunderbird

Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Sergio d'Arpa

Esperto di supercalcolo, fondatore e CEO di Klinik Sankt Moritz AG, la prima...

Simone Trebbi

Racconta imprese innovative e sostenibili, capaci di avere un impatto concreto...

Carlo Occhinegro

Scrive di storie dell'innovazione, dei protagonisti del mondo dell'imprenditoria...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo digitale.

Innova Italia

Storie, persone, idee del mondo imprenditoriale italiano che guarda al futuro