Come guadagnano gli Influencer: tra verità e menzogne

Tantissime aziende usano l’influencer marketing per far crescere la popolarità del proprio marchio. Qual è la verità?

Come guadagnano gli Influencer: tra verità e menzogne
di Antonella di Leevia

Tantissime aziende usano l’influencer marketing per far crescere la popolarità del proprio marchio. Gli influencer al giorno d’oggi sono al centro delle attenzioni di tutti: del pubblico che li guarda, li critica o li ama e dei grandi Brand che hanno la potenza economica per poterli ingaggiare. 

Secondo un’indagine di Publicis Media nel 2019 sono stati spesi ben 241 milioni di euro, quasi l’8% del totale della spesa di campagne pubblicitarie online.  Non ci sono solo Vip ma anche soggetti che si sono fatti un nome proprio partendo dal web come gli Youtubers oppure gli Instagrammers e nel futuro chi lo sa… anche i Tik Tokers.

Ma come fanno a guadagnare?

Molto dipende dalla piattaforma: Youtube ogni N visualizzazioni prevedere un riconoscimento monetario, Instagram no. E comunque il ritorno è sempre troppo basso rispetto al tempo speso per la realizzazione dei contenuti. In realtà sono proprio gli sponsor che riescono a far fatturare gli Influencer ma adesso la vita è diventata più complicata. Perché da quando per regolamento si deve dichiarare apertamente la collaborazione in corso con l’uso degli hashtag #adv #advertisement o altro la credibilità dell’ambassador inizia a vacillare. Il tuo beniamino non ti sta consigliando qualcosa perché è davvero bello e utile ma perché è stato pagato.

 Giveaway e link referral

I link che portano al prodotto sponsorizzato sono tracciati e ogni transizione, conversione avvenuta da quel referral porterà una percentuale a chi lo ha pubblicato. Quindi questo è il secondo modo di come un influencer può guadagnarci. 

Infine parliamo dei giveaway e concorsi a premio: quante volte ti sarà capitato di vedere una pagina facebook o instagram che mette in palio dei prodotti in omaggio? Questo scambio tra fan base, influencer e azienda che da i prodotti in regalo può essere molto conveniente per tutti. I fan ottengono dei regali in cambio solamente di un’email, l’influencer fidelizza i suoi followers (magari utilizzando un portale di loyalty in cui pubblica le sue iniziative) e l’azienda ha la possibilità di farsi conoscere da una fonte autorevole e far provare i propri prodotti. Speriamo che abbiano seguito correttamente la normativa italiana per i concorsi a premio in modo di proteggere i dati personali come deliberato dalla legge sulla privacy.