Terzo settore sempre più digital: la riforma spiegata in un video

Online la nuova versione del sito “Cantiere Terzo Settore” per capire la sua riforma attraverso guide, video, documenti e focus tematici redatti da esperti

Con l'ormai prossima entrata in vigore del registro unico nazionale del Terzo Settore, la Riforma degli enti nonprofit, avviata nel 2016, renderà operativa buona parte dell’impianto normativo previsto dalla sua legge delega.

Un cambio di passo per oltre 350mila organizzazioni nonprofit (Odv, Aps, Onlus, Ong, cooperative sociali ecc.) presenti in Italia che già in questi anni sono state chiamate a revisionare e adeguare alle nuove disposizioni i propri statuti, i regolamenti interni e le procedure fiscali per così entrare a far parte (o forse no) della grande famiglia degli ETS, gli Enti di Terzo Settore.

Per accompagnare queste organizzazioni che, a diverso titolo, dovranno adempiere alle indicazioni della Riforma, è stata lanciata una nuova versione di www.cantiereterzosettore.it, piattaforma nata e cresciuta grazie all’impegno di CSVnet, l’associazione dei Centri di servizio per il volontariato e del Forum Nazionale del Terzo Settore.

Un sito interamente gratuito con guide, focus tematici, documenti, aggiornamenti sugli ultimi decreti in uscita e tutto ciò che occorre sapere (spiegato in modo semplice) sul riassetto del terzo settore italiano. Tanti contenuti declinati anche attraverso linguaggi moderni come le 12 video pillole che in pochi minuti spiegano l’impianto della Riforma, soprattutto per i meno esperti.

«Dal nuovo registro unico alle novità ancora da definire in materia fiscale - sottolinea Claudia Fiaschi, portavoce del Forum nazionale Terzo Settore -, adeguarsi alla Riforma sarà un percorso complesso per i soggetti del Terzo settore, in particolar modo quelli meno strutturati. Per questo motivo uno strumento come Cantiere terzo settore, capace di dare informazioni precise, puntuali e sempre aggiornate, sarà preziosissimo per i nostri enti e le nostre associazioni, e per i professionisti che operano a loro supporto».