Soru: vi spiego come si può limitare il potere dei colossi tecnologici

Per il fondatore e amministratore delegato di Tiscali la soluzione è l’unbundling dei servizi. Ecco di cosa si tratta

Soru: vi spiego come salvare le democrazie dall’eccessivo potere dei colossi tecnologici
TiscaliNews

I giganti digitali americani (e in particolare le cosiddette Big five ovvero Amazon, Google, Apple, Facebook e Microsoft) rappresentano un pericolo per le democrazie liberali? Il giornalista de Linkiesta, Guido Garau, ne ha parlato con il fondatore e amministratore delegato di Tiscali, Renato Soru, in una lunga intervista che propone numerosi spunti di riflessione.

"Cannibali capaci di sopprimere la concorrenza" 

“Dovremmo preoccuparci di più del monopolio della Silicon Valley, dei colossi hi-tech dalla capitalizzazione monstre, cannibali capaci di sopprimere ogni forma di concorrenza" ha esordito Soru. "Dovremmo guardare meglio alle piattaforme digitali che hanno acquisito e continuano ad acquisire una mole di dati gigantesca, ogni giorno, della capacità di calcolo crescente delle loro macchine e della portata di utilizzare questi dati nelle loro aziende, governando capacità di acquisto e decisioni fondamentali non solo per l’economia, ma per la nostra stessa vita democratica”.

"Un potere mai conosciuto prima" 

“I nuovi big – ha proseguito il fondatore di Tiscali - hanno un potere che non avevamo mai conosciuto prima. Pensiamo ancora a Facebook e al tentativo, per ora appena rimandato, di costruirsi una sua moneta, la Libra, con lo scopo di creare un’infrastruttura finanziaria in grado di facilitare gli scambi in ogni parte del mondo nella vita di tutti i giorni, inserendosi in quel gap non coperto dai servizi degli intermediari finanziari”.

"La soluzione è l’unbundling dei servizi" 

Come contrastare questo pericolo? Soru non ha dubbi: “Solo l’intervento della politica, che difende se stessa, potrà salvarci”.  “La soluzione – ha spiegato - è l’unbundling dei servizi: l’obbligo di interconnessione. In italiano potremmo chiamarlo uno spacchettamento. Scolleghiamo la mail di Google dal suo motore di ricerca, le mie conversazioni su WhatsApp e i miei post su Facebook dalla mia lettura dei quotidiani on line o dalla mia libera navigazione. In Parlamento europeo è un tema di cui ho discusso, mi sono battuto, ho provato a far diventare legge. Ma i colossi fanno muro e la proposta non è passata”. E’ possibile leggere l’intervista integrale sulle pagine web de Linkiesta

Renato Soru