Smart working: in Italia si va verso lo stop alla deroga, Revolut lo consente anche dall’estero

Per i sindacati siamo di fronte “a un possibile salto nel vuoto”. Nel frattempo la mobile bank britannica Revolut spinge ancora più avanti la flessibilità dei propri lavoratori

Smart working: in Italia è allarme per lo stop alla deroga, Revolut lo consente anche dall’estero
foto Ansa
TiscaliNews

Siamo ancora nel pieno della pandemia ma è allarme smart working. Il prossimo 30 aprile scatterà lo stop alle deroghe sugli accordi azienda-lavoratori e tornerà in vigore quanto previsto dalla legge 81/2017 ovvero il ricorso agli accordi individuali per regolare l’esecuzione del lavoro agile.

Contrariamente alle aspettative il decreto Sostegni non ha prorogato oltre la fine del mese in corso la procedura semplificata introdotta, un anno fa all’inizio dell’emergenza Covid, dal governo Conte. 

I sindacati sono stati i primi a lanciare l’allarme. “Siamo di fronte a un possibile salto nel vuoto nel rapporto tra lavoratore e impresa che getta nell’incertezza una platea importante di lavoratori, a cui bisogna porre rapidamente rimedio” ha affermato il segretario generale Fim Cisl, Roberto Benaglia.

“Siamo ancora in fase emergenziale – ha proseguito il sindacalista - proponiamo che sia la contrattazione collettiva, sia a livello nazionale che in azienda, a colmare questo vuoto e a cominciare a costruire regole che superino la pura emergenza e che puntino a rendere stabile e sostenibile il lavoro agile anche se ridotto ad alcuni giorni alla settimana”,

Mentre in Italia ci troviamo di fronte di fronte all’ennesimo buco normativo le aziende straniere procedono spedite nell’adozione di forme organizzative del lavoro sempre più innovative.

La mobile bank britannica Revolut, che conta 15 milioni di clienti in tutto il mondo,, consentirà ai suoi oltre 2.000 dipendenti di lavorare dall'estero in smartworking fino a 60 giorni l'anno. L’annuncio arriva dopo che l’azienda lo scorso febbraio ha introdotto in modo permanente il lavoro flessibile.