[La storia] Inventore brianzolo 72enne riceve 1 milione di dollari da Bill Gates

La Bill & Melinda Gates Foundation hanno investito nello sviluppo di una speciale pompa idraulica

Inventore brianzolo 72enne riceve 1 milione di dollari da Bill Gates
Bill Gates

L’innovazione tecnologica che non ti aspetti. Quella che  non nasce nella Silicon Valley e non riguarda l’ennesima applicazione digitale o di intelligenza artificiale. Protagonista è un piccolo  imprenditore brianzolo di 72 anni, Vincenzo Di Leo, che ha inventato una pompa idraulica  potenzialmente capace di cambiare la qualità della vita di milioni di persone nei paesi più poveri del mondo. Lo sviluppo della tecnologia è stato in parte finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation, la fondazione privata non profit più grande al mondo con 50 miliardi di patrimonio, che ha già elargito a Vincenzo Di Leo un finanziamento di 1 milione di dollari.

Una pompa molto speciale 

Perché l’invenzione sviluppata dall’imprenditore brianzolo ha attirato l’attenzione (e il denaro) di Bill Gates? Il motivo è molto semplice: è l’unica pompa idraulica al mondo capace di svuotare una latrina senza essere bloccata dalla presenza di rifiuti solidi. “La nostra pompa, che si chiama Tarua – ha spiegato Vincenzo Di Leo al Corriere della Sera – ha la capacità di far passare detriti assieme ai liquidi. Tutto quello che passa dal tubo di aspirazione passa anche dal corpo pompa senza bloccarlo. Non sono dunque necessari nè trituratori, né griglie. Consuma poco e la manutenzione è facile”.

Soluzione a un problema molto diffuso

Una innovazione che non conquista le prime pagine dei giornali specializzati dedicati all’innovazione  ma che può avere un grande impatto nelle aree più svantaggiate del globo dove le latrine da campo sono ancora molto diffuse. Pozze di acqua e liquami dove finisce di tutto e che nella maggior parte dei casi si trasformano in centri di diffusione di malattie di ogni tipo.

L'incontro ad una fiera di settore 

L’incontro tra Di Leo e la Bill & Melinda Gates Foundation (da tempo impegnata nel contrastare povertà e malattie nelle aree più povere del pianeta) avviene ad una fiera di settore. Gli ingegneri della fondazione americana notano subito la pompa idraulica brianzola e decidono di finanziare il progetto per migliorarlo ulteriormente.

Il problema da risolvere 

Il principale limite della pompa affinché possa essere utilizzata con facilità è il suo peso: 300 kg. Obiettivo dello sviluppo della tecnologia e del ricco finanziamento di Bill Gates è quello di ridurlo a 70 kg affinché la pompa possa essere spostata agevolmente da due persone.

Lieto fine a un passo 

La prima tranche del finanziamento (640 mila dollari) arriva nel 2016. La seconda (400 mila) nel 2019. “Adesso siamo in dirittura d’arrivo ma abbiamo dovuto ripensare tutto e in un primo momento sembrava impossibile. Mi sono seduto davanti a quella macchina per sei mesi per capire come ridurre tutto quel peso” ha raccontato l’imprenditore brianzolo. Il progetto non è ancora completato ma “siamo in dirittura d’arrivo” ha aggiunto Di Leo lasciando dunque presagire un lieto fine ad una bella storia di innovazione italiana.

Melinda e Bill Gates