Hacker bloccano i registri scolastici. Ed è allarme per il virus travestito da Netflix

Sotto attacco Axios che fornisce il servizio al 40% delle scuole italiane. Su Whatsapp falso messaggio che promette due mesi di prova gratuita alla nota piattaforma video

Hacker bloccano i registri scolastici. Ed è allarme per il virus travestito da Netflix
Foto Ansa
TiscaliNews

La conferma è arrivata da Axios, la società che fornisce i registri elettronici al 40% delle scuole italiane: la piattaforma è stata presa di mira dagli hacker attraverso l'utilizzo di un ransomware, ovvero di un virus informatico che rende inaccessibili i dati e per ripristinarli chiede il pagamento di un riscatto, solitamente in bitcoin.

"A seguito delle approfondite verifiche tecniche messe in atto da sabato mattina in parallelo con le attività di ripristino dei servizi, abbiamo avuto conferma che il disservizio creatosi è inequivocabilmente conseguenza di un attacco ransomware portato alla nostra infrastruttura. Dagli accertamenti effettuati, al momento, non ci risultano perdite e/o esfiltrazioni di dati" ha scritto sul suo sito Axios che dallo scorso 3 aprile segnalava malfunzionamenti alla piattaforma.

Secondo il Clusit, l'Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, i ransomware sono ormai responsabili del 42% degli attacchi informatici gravi nel mondo. "Solitamente - ha spiegato l'associazione - si infiltrano attraverso e-mail di phishing che invitano a cliccare su un determinato link o a scaricare un certo file". Successivamente il software malevolo si propaga in maniera autonoma senza che l'utente debba compiere alcuna azione. 

Ma nelle ultime ore i cybercriminali non si stanno limitando a prendere di mira le scuole. L'ultima minaccia è un malware su Whatsapp “travestito” da Netflix che colpisce gli smartphone Android. Promette 2 mesi gratis alla nota piattaforma ma è una trappola. 

Il virus è stato individuato da Check Point Research. Si presenta sotto forma di app di Netflix su Google Play Store. Nel momento in cui l'utente scarica l'app per usufruire dei 2 mesi di prova gratuita il malware si installa nello smartphone rubando dati e credenziali. Ma questo è solo il primo aspetto del pericolo. Il software malevolo riesce anche a prendere possesso di Whatsapp e a inviare messaggi per conto delle vittime, contenenti un link che bisogna seguire per usufruire dei 2 mesi gratuiti di Netflix Premium