Arrivano su WhatsApp i messaggi che si autodistruggono: ecco come si attiva la nuova funzione

Si chiamano "messaggi effimeri" e spariscono dal dispositivo del destinatario dopo 7 giorni dall’invio

Arrivano su WhatsApp i messaggi che si autodistruggono: ecco come si attiva la nuova funzione
TiscaliNews

Un po’ come avveniva su altri servizi di messaggeria istantanea ora anche WhatsApp offrirà ai propri utenti la possibilità di inviare dei messaggi che si autodistruggono dopo un determinato tempo. Si chiamano messaggi effimeri e vengono rimossi dal terminale del destinatario sette giorni dopo la ricezione. La nuova funzione, che può o meno essere attivata sui singoli contatti presenti in una rubrica, sarà disponibile in tutto il mondo a partire da questo mese. I messaggi effimeri, evidenzia la società in una nota, serve a rendere "la conversazione più leggera e privata". "Nelle chat individuali - aggiunge - entrambi gli interlocutori possono attivare o disattivare i messaggi effimeri. Nelle chat di gruppo, solo gli amministratori potranno usare questa funzione". I messaggi effimeri non sono dunque pensati per essere fugaci al pari di piattaforme come Snapchat. Per il momento, aggiunge WhatsApp, "abbiamo deciso di rendere i messaggi effimeri visibili per 7 giorni, in quanto riteniamo che questo sia un intervallo di tempo adeguato per consentire agli utenti di non perdere il filo del discorso e di accedere ai messaggi di cui hanno bisogno. Sarà possibile gestire le proprie chat in modo che, trascorsi 7 giorni, la lista della spesa o l'indirizzo di un negozio spariscano automaticamente".

Cosa sono i messaggi effimeri

Fino a questo momento, ogni messaggio ricevuto su WhatsApp era destinato a restare sul nostro smartphone per un tempo indefinito. Per cancellarlo dalla memoria l’utente doveva intervenire manualmente. Se da un lato è vero che l’archiviazione a tempo indeterminato consente ad ognuno di noi di custodire informazioni, fotografie e video anche per anni, è altresì vero che questa pratica comporta un sovraccarico della memoria fissa del dispositivo. Molte delle informazioni che inviamo o riceviamo, inoltre, non sono così importanti da giustificare la loro archiviazione. Da qui l'idea di creare i messaggi effimeri. “Il nostro obiettivo - scrivono dall’azienda statunitense guidata da Menlo Park - è fare in modo che le conversazioni su WhatsApp assomiglino il più possibile a quelle che avvengono di persona. Questo significa che non devono necessariamente essere conservate in eterno. Ed è per questo che desideriamo dare ai nostri utenti la possibilità di utilizzare i messaggi effimeri su WhatsApp”.

Attivare la modalità effimera

Per abilitarla basterà selezionare il nome di un contatto presente sulla rubrica e premere la voce “Messaggi effimeri”. A questo punto si dovrà dare una conferma, selezionando “Sì”. La funzione riguarderà solamente i messaggi inviati dopo l’attivazione, cancellandoli dopo sette giorni. Non eliminerà i messaggi ricevuti o inviati prima dell’attivazione della feature. Se per le chat con i singoli contatti la funzione deve essere attivata dal titolare dell’account, all’interno di una chat di gruppo saranno solamente gli amministratori a poter utilizzare questo strumento.

File multimediali presenti all’interno dei messaggi effimeri

Per impostazione predefinita i file multimediali ricevuti tramite WhatsApp vengono scaricati automaticamente in “le tue foto”. Se sono attivati i messaggi effimeri, i file multimediali inviati nella chat saranno visibili solo temporaneamente, ma verranno comunque salvati sul telefono se sono attive le impostazioni di download automatico. E’ possibile disattivare il download automatico entrando sulle Impostazioni di WhatsApp --> Utilizzo dati e archivio.

Per attivarlo sia su smartphone Android che iOS, dovrai:

- Aprire la chat di WhatsApp;
- Tocca il nome del contatto;
- Tocca Messaggi effimeri;
- Se richiesto, tocca Continua;
- Seleziona Attivati.

Per disattivarli la procedura è identica, solo che alla fine dovrai selezionare “disattivati” invece di “attivati”.