Tiscali.it
SEGUICI

L'allarme del FMI: 60% dei lavori saranno travolti da robot e IA. I mestieri a rischio e quelli al sicuro

TiscaliNews   
L'allarme del FMI: 60% dei lavori saranno travolti da robot e IA. I mestieri a rischio e quelli al sicuro
Ipotetica protesta dei lavoratori contro l'avvento dei robot (immagine realizzata con l'intelligenza artificiale)

Stavolta il monito arriva dal Fondo monetario internazionale, con un rapporto lanciato alla vigilia del World Economic Forum di Davos: l'intelligenza artificiale è destinata a rivoluzionare l'economia globale ma rischia di travolgere buona parte dei posti di lavoro in tutto il mondo. Il 40% nelle economie emergenti - dalla Cina all'India al Basile - il 26% nei Paesi a basso reddito, e fino al 60% nelle economie più avanzate, dall'Europa agli Stati Uniti. Non solo: l'IA è quasi certamente destinata ad aumentare le ineguaglianze sociali e ad aumentare il gap tra i Paesi più ricchi e quelli più poveri.

FMI: IMPATTO IA DEVE ESSERE POSTO AL CENTRO DELL'AGENDA POLITICA 
L'allarme del FMI arriva in un momento in cui acceso è il dibattito sull'uso di applicazioni come ChatGtp e quello sull'utilizzo dei robot nel settore produttivo. Nello studio della nota organizzazione internazionale si mette in guardia la comunità internazionale dai pericoli legati ad uno sviluppo incontrollato dell'IA. E l'imperativo è uno solo: mettere la questione al centro dell'agenda politica globale e agire in fretta per mitigare l'impatto che le nuove tecnologie avranno soprattutto sulle categorie di lavoratori più vulnerabili, con decine di figure professionali che rischiano di scomparire per sempre.

I LAVORATORI NON COMPLEMENTARI CON IA SONO QUELLI PIU' A RISCHIO
Nel rapporto si indicano quindi i lavoratori più a rischio, quelli destinati ad essere spazzati via dall'avanzare dell'intelligenza artificiale e le cui mansioni verranno completamente sostituite dalle nuove tecnologie: vedi gli operatori nel settore del telemarketing, o quelli dei call center, ma anche - si legge nello studio - i lavapiatti o gli artisti. Tutte quelle figure, insomma, "a bassa complementarietà con l'intelligenza artificiale". Al sicuro invece le professioni "ad alta complementarietà", quelle - ad esempio - come i chirurghi, i giudici, gli avvocati: tutte figure che si avvalgono e che possono beneficiare del supporto dell'intelligenza artificiale ma che non rischiano di essere rimpiazzate dalla capacità delle nuove tecnologie di riprodurre compiti finora legati esclusivamente all'intelligenza umana.

META' DEI POSTI DEI LAVORO POSSONO PERO' TRARRE VANTAGGIO DA IA
"Circa la metà dei posti di lavoro nel cui ambito agisce l'IA possono trarre grandi benefici in termini di crescita della produttività - afferma la direttrice del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva - ma per l'altra metà le applicazioni legate all'intelligenza artificiale potrebbero di fatto sostituire le mansioni attualmente svolte dagli umani, con l'effetto di ridurre la domanda di lavoro e di portare a salari più bassi e a una riduzione delle assunzioni. E nei casi più estremi - l'allarme della numero uno dell'istituto di Washington Georgieva - alcuni di questi lavori potrebbe scomparire del tutto".

SCELTE DELLA POLITICA DETERMINERANNO IMPATTO IA
Nel rapporto degli esperti del Fondo monetario internazionale si sottolinea anche come "le scelte dei Paesi per definire i diritti di proprietà dell'IA, così come le politiche redistributive e altre politiche fiscali, determineranno in definitiva il suo impatto sulla distribuzione del reddito e della ricchezza". "E' cruciale per tutti i Paesi - afferma ancora la direttrice del Fondo monetario - mettere in campo reti di sicurezza sociale omnicomprensive e offrire programmi di riqualificazione professionale per i lavoratori più vulnerabili. E nel farlo - aggiunge Georgieva - potremo realizzare una transizione verso l'intelligenza artificiale più inclusiva, proteggendo i livelli di vita e tagliando le ineguaglianze".

TiscaliNews   

I più recenti

Ricercatori propongono un tasto per spegnere l'IA in caso di pericolo, come per il nucleare
Ricercatori propongono un tasto per spegnere l'IA in caso di pericolo, come per il nucleare
Il padre di Trump lo invita a non candidarsi alle presidenziali: ma è un deepfake. Il video
Il padre di Trump lo invita a non candidarsi alle presidenziali: ma è un deepfake. Il video
I video generati da Sora, la nuova intelligenza artificiale che ha sorpreso il mondo
I video generati da Sora, la nuova intelligenza artificiale che ha sorpreso il mondo
Esplode la protesta contro OpenAI: nel mirino l'IA generale e il contratto con il Pentagono
Esplode la protesta contro OpenAI: nel mirino l'IA generale e il contratto con il Pentagono
thunderbird

Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Sergio d'Arpa

Esperto di supercalcolo, fondatore e CEO di Klinik Sankt Moritz AG, la prima...

Simone Trebbi

Racconta imprese innovative e sostenibili, capaci di avere un impatto concreto...

Carlo Occhinegro

Scrive di storie dell'innovazione, dei protagonisti del mondo dell'imprenditoria...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo digitale.

Innova Italia

Storie, persone, idee del mondo imprenditoriale italiano che guarda al futuro