Tiscali.it
SEGUICI

Punto di svolta nello sviluppo dell'intelligenza Artificiale: ora potrà evolversi come un cervello umano

TiscaliNews   
Punto di svolta nello sviluppo dell'intelligenza Artificiale: ora potrà evolversi come un cervello umano

Un sistema di intelligenza artificiale che si riorganizza in modo simile al cervello umano: evolve e sviluppa nuove capacità per superare le limitazioni imposte dall'esterno, in modo analogo a come ha fatto il cervello umano nel corso dell'evoluzione. Il nuovo sistema ideato dal gruppo di ricerca guidato da Jascha Achterberg e Danyal Akarca dell'Università di Cambridge e descritto su Nature Machine Intelligence è di ispirazione ai futuri sistemi di IA e permetterà di capire meglio come funziona il nostro cervello. Obiettivo principale dei sistemi di Intelligenza Artificiale è quello di replicare almeno alcune caratteristiche dell'intelligenza umana ma le differenze tra mondo digitale e naturale sono molte, una di queste è la capacità di modificarsi nel tempo.

I cervelli biologici non solo sono in grado di risolvere problemi complessi ma lo fanno usando pochissima energia, una capacità possibile anche perché sono in grado di riorganizzare le connessioni tra i neuroni. Per cercare di capire in che modo questo avvenga i ricercatori hanno sviluppato una tipologia di rete neurale capace di trasformarsi autonomamente in risposta a quel che gli viene chiesto e ridurre al massimo i consumi di energia. Un obiettivo ben diverso dal solito, i cui le reti neurali artificiali godono normalmente di grandi quantità di energia a disposizione.

Usando questi nuovi vincoli i ricercatori americani ha dimostrato che se alle reti viene chiesto di risolvere problemi difficili, ad esempio trovare la strada più rapida per uscire da un labirinto, riducendo allo stesso tempo l'energia a disposizione, evolvono in modo inatteso. I nodi della rete, come fossero neuroni, tendono a riorganizzare le connessioni e imparano a gestire un maggior numero di operazioni rispetto a quanto fanno normalmente. Una scoperta che potrà migliorare la progettazione di nuovi sistemi di intelligenza artificiale ma che, sottolineano i ricercatori, apre anche molti interessanti spunti per la comprensione del nostro cervello e del perché sia strutturato nelle forme che vediamo. 

 

TiscaliNews   
I più recenti
L'intelligenza artificiale impara a riconoscere in anticipo il fegato grasso
L'intelligenza artificiale impara a riconoscere in anticipo il fegato grasso
Studio shock: oltre 200 mila dipendenti pubblici italiani a forte rischio. Tremano i ministeriali
Studio shock: oltre 200 mila dipendenti pubblici italiani a forte rischio. Tremano i ministeriali
I vantaggi della settimana lavorativa corta secondo l’intelligenza artificiale. Video
I vantaggi della settimana lavorativa corta secondo l’intelligenza artificiale. Video
I propri cari rivivono dopo la morte grazie all'intelligenza artificiale: le prime applicazioni
I propri cari rivivono dopo la morte grazie all'intelligenza artificiale: le prime applicazioni
thunderbird
Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Sergio d'Arpa

Esperto di supercalcolo, fondatore e CEO di Klinik Sankt Moritz AG, la prima...

Simone Trebbi

Racconta imprese innovative e sostenibili, capaci di avere un impatto concreto...

Carlo Occhinegro

Scrive di storie dell'innovazione, dei protagonisti del mondo dell'imprenditoria...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo digitale.

Innova Italia

Storie, persone, idee del mondo imprenditoriale italiano che guarda al futuro