Tiscali.it
SEGUICI

ChatGPT in Parlamento: perché quella di Lombardo è stata una provocazione necessaria

Enrico Deplanodi Enrico Deplano   
ChatGPT in Parlamento: perché quella di Lombardo è stata una provocazione necessaria

Nella seduta del Senato di mercoledì sera il senatore Marco Lombardo, di Azione, dopo aver letto il suo intervento sull’accordo sui lavoratori transfrontalieri Italia e Svizzera, dichiara che il testo non è suo e nemmeno prodotto da intelligenza umana ma creato con il noto chatbot di intelligenza artificiale generativa Chat GPT-4. La necessità giornalistica di stare sul pezzo induce i quotidiani a dare il più rapidamente possibile una notizia battuta dalle agenzie: la si dà con i primi commenti a caldo. Subentrano poi le riflessioni a freddo, approfondimenti che colgono meglio il senso dei fatti.

Il gesto del senatore Lombardo è apparso a molti eclatante, ed era inteso a suscitare allarme sul possibile abuso dell’IA ovunque, anche in augusti consessi e centri decisionali. Il senatore ha affermato che si trattava di “un evento storico” nella nostra attività parlamentare. Non è una novità in assoluto: appare replica locale di quanto accaduto a gennaio nel Congresso USA, quando il rappresentante democratico Jake Auchincloss, dopo aver letto il suo intervento su un progetto di ricerca sull'intelligenza artificiale, rivelava che a scriverlo era stata Chat GPT3. 

Il merito di Lombardo, professore attento agli sviluppi dell’innovazione, è quello di contribuire a un dibattito anche in Italia. Negli ultimi mesi sono sorte, a livello internazionale, crescenti preoccupazioni riguardo all’impiego senza limiti dei chatbot. Anche tra i più entusiasti sostenitori dell’IA. In Italia le reazioni al provvedimento governativo di chiusura momentanea di ChatGPT hanno paradossalmente sfavorito le voci critiche, tacciate di conservatorismo. 

Marco Lombardo durante il suo intervento in Senato

Ma la consapevolezza di una necessità di riflessione e normazione non è retrograda: proviene proprio dai Ceo e dai Paesi protagonisti nello sviluppo e commercializzazione dell’intelligenza artificiale. Senza scomodare Sam Altman e Elon Musk in merito ai rischi di un’intelligenza artificiale senziente oggi non ancora all’orizzonte, si sono già verificati problemi più concreti e immediati, relativi a immagini  video fake, e a testi scritti.

Perfino gli specialisti delle ICML (International Conference on Machine Learning) che sta dietro lo sviluppo degli algoritmi di intelligenza artificiale generativa linguistica hanno dovuto proibire l’uso di chatbot come ChatGPT per la creazione di articoli scientifici

In città simbolo dell’innovazione tecnologica, come New York e Los Angeles, ChatGPT3 è stato vietato dai college perchè troppi studenti spacciavano come propri testi scritti dall’IA, falsificando i test. In Australia scuole e Università hanno reintrodotto i test cartacei. Ma il problema va molto oltre questi ambiti. E’ cronaca il caso dell’avvocato Shwartz di Manhattan sotto processo per aver introdotto in un processo precedenti legali insistenti, compilati da ChatGPT4 a partire da modelli, di fatto inventandoli. 

Un’AI generativa usa modelli linguistici addestrati su parole e genera testo in linguaggio naturale. I testi generati dalle chatbot sono pressochè indistinguibili dalla prosa umana, se non per il fatto che manca loro una cifra stilistica individuale. Quindi è assolutamente logico che senatori non riconoscano come AI generated un testo loro letto. Il punto non è solo la paternità di un testo, ma anche la sua attendibilità. In aule di tribunali o di camere di parlamenti, l'accuratezza dei contenuti presentati impatta ovviamente in modo considerevole sulla sicurezza pubblica.

Ingenuamente, seguendo uno storytelling fantascientifico, si è vantata l’oggettività di un’intelligenza artificiale generale senziente onniscente, come preferibile a politici e giudici. Ma intelligenza artificiale è un termine giornalistico hype, mentre noi ci confrontiamo con algoritmi di apprendimento ed estrazione di modelli, che generano output da prompt. Le AI chatbot date all’uso pubblico sono capaci di errori, definiti in gergo allucinazioni. Questo segnala un pericolo ma anche una soluzione già presente: il controllo umano. 

Dall’AI passa il futuro ma pensare di non disciplinare il settore in alcun modo non produrrà utopie tecno economiche né distopie sociali ma più semplicemente problemi. Il progresso è compito delle collettività umane deciderlo e non subirlo. La palla tornerà a ciò che ogni tanto la rincorsa al nuovo fa apparire vecchio: filosofia della scienza e politica. Le cui istanze sono antropologiche e primarie, non aggirabili o surrogabili dalla mera teknè. Giusta, quindi, la posizione di Lombardo contro un certo fascino superficialmente modaiolo dell’AI presso i geek nostrani. 

Il problema dell’introduzione in consessi legislativi di testi fatti con chatbot è reale: il pericolo è che le allucinazioni dell’AI possano portare nei due rami della Camera testi con riferimenti normativi inesistenti, dati macroeconomici o sanitari sballati o riferimenti ad analisi geopolitiche fittizie. Più banalmente, populisti e demagoghi privi di competenza potrebbero usare le chatbot per sopperire all’assenza di idee proprie, conquistando autorevolezza apparente. Mentre è bene che una collettività vagli bene le effettive competenze della classe politica, evitando che al governo vadano squadre prive delle capacità di governare fenomeni complessi.

Sono allo studio nel mondo varie soluzioni al problema. Le aziende del settore IA si sono attivate per consentire di distinguere tra testi generati da esseri umani e dall'intelligenza artificiale. Con il rilevamento di watermarks, ossia segni nascosti introdotti nei testi generati dall’IA o di una rigidità di schema nella ripetizione di parole, come con l’app GPTZero, che misura complessità testuale e variazione delle frasi, o con l’algoritmo Classifier sviluppato da OpenAI. Ben vengano, ma forse basterebbe passare al vaglio di un dispositivo fuori dall’aula parlamentare i testi da introdurre. E farli leggere ai rappresentanti non in fogli o su telefono - prevendone un’eventuale sostituzione - ma su minitablet privi di connessione wireless, in cui i dati siano caricati ogni volta sul momento, prima di ogni seduta. 

In ogni caso sarebbe desiderabile una effettiva competenza nell’uditorio. Nell’aula di tribunale americana si sono accorti degli errori perchè l’intelligenza umana li ha rilevati. In un’aula di Parlamento si potrebbero cogliere le allucinazioni prodotte da un testo generato da IA attraverso analoga competenza. Che peraltro sarebbe postulata in ogni caso, per vagliare e deliberare ogni argomento presentato ai legislatori. 

La competenza si riafferma desiderabile e indispensabile. L’intelligenza artificiale richiede più intelligenza naturale. Pur senza invocare il mito dei tecnici al governo, a un vero politico non bastano la capacità di mediazione o il possesso di saldi valori ideologici che definiscono l’interesse di una parte di elettorato. E’ stato un errore semplicistico ritenere che la volontà politica potesse scusare l’incompetenza. Tutto ciò che ce lo ricorda, anche ChatGPT al Senato della Repubblica italiana, è utile a correggere la rotta.

Enrico Deplanodi Enrico Deplano   
I più recenti
[Intervista] Vi spiego perché non è vero che l'Europa ha già perso il treno dell'intelligenza...
[Intervista] Vi spiego perché non è vero che l'Europa ha già perso il treno dell'intelligenza...
L’intelligenza artificiale restituisce la vita alle strade dell’antica Roma: il video
L’intelligenza artificiale restituisce la vita alle strade dell’antica Roma: il video
L'intelligenza artificiale fa incontrare le star di Hollywood con i cloni giovani di se stessi: il...
L'intelligenza artificiale fa incontrare le star di Hollywood con i cloni giovani di se stessi: il...
Monna Lisa e le altre star della pittura diventano reali grazie all’IA: il video
Monna Lisa e le altre star della pittura diventano reali grazie all’IA: il video
thunderbird
Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Sergio d'Arpa

Esperto di supercalcolo, fondatore e CEO di Klinik Sankt Moritz AG, la prima...

Simone Trebbi

Racconta imprese innovative e sostenibili, capaci di avere un impatto concreto...

Carlo Occhinegro

Scrive di storie dell'innovazione, dei protagonisti del mondo dell'imprenditoria...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo digitale.

Innova Italia

Storie, persone, idee del mondo imprenditoriale italiano che guarda al futuro