Tiscali.it
SEGUICI

Ecco come l'Arabia Saudita sta investendo nella tecnologia del futuro

L'Arabia Saudita ha recentemente lanciato diverse iniziative volte a rendere il Paese uno dei più tecnologicamente avanzati al mondo.

Alice Bellantedi Alice Bellante   
Ecco come l'Arabia Saudita sta investendo nella tecnologia del futuro
Neom (CC)

La tecnologia è al centro dell’agenda strategica di Riyadh, ovvero Vision 2030, un progetto di riforma economica e sociale lanciato nel 2016. Questo programma di trasformazione nazionale traccia un percorso verso un futuro tecnologicamente più avanzato, una visione a lungo termine per avvicinare l'Arabia Saudita a un futuro a basse emissioni di carbonio e allontanare il Paese dalla dipendenza dalle esportazioni di petrolio e dall'estrazione di combustibili fossili.

L'Arabia Saudita deve affrontare una transizione energetica ed economica senza precedenti, a causa delle fluttuazioni del prezzo del petrolio, dei complicati rischi geopolitici, dell'impegno a ridurre le emissioni e della forte concorrenza globale. Proprio per questo l’obiettivo della Vision 2030 è quello di mettere in atto una riforma sociopolitica ed economica nazionale volta a ridurre la dipendenza dell'Arabia Saudita dal greggio attraverso la diversificazione economica e lo sviluppo di una serie di servizi pubblici. Per il raggiungimento di questo fine è necessario aumentare la quota dei settori economici non petroliferi, come il turismo, le banche e il settore informatico, e mostrare un'immagine nazionale aperta e laica sulla scena globale. Altri obiettivi del piano includono poi il rimboschimento, l'aumento delle aree protette, la riduzione delle emissioni, la diversificazione economica e la creazione di una città futuristica alimentata al 100% da energie rinnovabili.

A cinque anni dall'annuncio del piano, il Regno dell'Arabia Saudita ha sicuramente posto l'accento sull'espansione dei suoi progetti ambientali, incoraggiando anche l'uso dell'economia circolare e aumentando la percentuale di progetti solari e a idrogeno dopo il coinvolgimento attivo del Paese nel vertice del G20.

Per alleviare l'impatto delle fluttuazioni e dell'instabilità dei prezzi del petrolio, l'Arabia Saudita ha adottato misure ambiziose per diversificare la propria economia e abbandonare la dipendenza dal petrolio. Ad esempio, il ministro delle Finanze dell'Arabia Saudita, Mohammed Al-Jadaan, mira a trasformare la grande città di Riyadh in un centro finanziario internazionale tra i primi 10, con un settore privato in crescita, incentrato sul turismo e altri servizi, che rappresenterà il 65% del PIL nazionale entro il 2030, contro i soli due quinti del 2021.

Inoltre, il Public Investment Fund, che possiede il fondo sovrano del Regno da 300 miliardi di dollari, ha investito in Neom, una megalopoli futuristica da 500 miliardi di dollari sulla costa del Mar Rosso settentrionale che, una volta completata, sarà alimentata al 100% da energie rinnovabili. Questo progetto di città incorporerà anche tecnologie intelligenti all'avanguardia e attrazioni turistiche per stimolare i settori commerciali non petroliferi sauditi e utilizzare ulteriormente il vantaggio geografico del Paese come hub merci cruciale. In breve, l'Arabia Saudita desidera potenziare il proprio settore finanziario per ridurre la propria dipendenza dall'industria petrolifera.

Il nome NEOM è un portmanteau, in quanto le prime tre lettere sono un prefisso greco antico - "neo" significa nuovo, mentre la quarta lettera "M" rappresenta la prima lettera del nome del principe ereditario e la prima lettera della parola araba "Mustaqbal", che significa "futuro". Letteralmente, il significato della parola NEOM è dunque nuovo futuro.

NEOM è una smart city pianificata nella provincia di Tabuk, nel nord-ovest dell'Arabia Saudita. Il sito del progetto si trova a nord del Mar Rosso, a est dell'Egitto attraverso il Golfo di Aqaba e a sud della Giordania. L'area totale di questa città futuristica è di 26500 km quadrati. Il piano di NEOM comprende diverse regioni che includono un complesso industriale galleggiante, un hub commerciale globale, località turistiche e una città lineare che sarà alimentata interamente da fonti di energia rinnovabili.

Il progetto NEOM è stato concepito per ispirare uno stile di vita alternativo che risponda ad alcune sfide globali critiche che l'umanità deve affrontare. La città intelligente metterà in evidenza il rapporto dell'umanità con la natura, preservando il 95% dell'ambiente naturale che la circonda. Tutta l'energia di NEOM sarà completamente rinnovabile, generata da energia eolica, solare e a idrogeno, per garantire un ecosistema a emissioni zero e positivo per le emissioni di carbonio. Le persone coinvolte nel progetto affermano che NEOM sarà una centrale elettrica regionale per la produzione e lo stoccaggio dell'acqua, che si baserà sulla desalinizzazione dell'acqua. La sua infrastruttura idrica, collegata attraverso una tecnologia avanzata, garantirà una perdita minima di acqua. In questo modo NEOM sarà all'avanguardia nella tecnologia dell'acqua.

I piani per la costruzione di questa città sono stati annunciati per la prima volta durante la conferenza Future Investment Initiative dal principe ereditario saudita Mohammed bin Salman. La conferenza si è tenuta a Riyadh, in Arabia Saudita, il 24 ottobre 2017. Il principe ha aggiunto che la prossima città opererà in modo indipendente dal quadro governativo esistente e applicherà le proprie tasse, le leggi sul lavoro e un sistema giudiziario autonomo.

Come anticipato, il costo stimato dell'intero progetto è di 500 miliardi di dollari, in gran parte finanziati dal Fondo pubblico di investimento che investe per conto del governo dell'Arabia Saudita. NEOM è probabilmente il più grande e controverso progetto architettonico del mondo. Tuttavia, l'Arabia Saudita è sottoposta a pressioni imminenti per raggiungere la diversificazione economica o ne pagherà il prezzo.

La Vision 2030 prevede di espandere il coinvolgimento del settore delle energie rinnovabili per mantenere il suo ruolo dominante nell'attuale mercato energetico ed evitare la marginalizzazione economica e politica. La suddetta trasformazione economica quindi non solo mira a diversificare la struttura economica, ma anche a mitigare gli effetti del cambiamento climatico per sostenere l'economia nazionale dell'Arabia Saudita.

Alice Bellantedi Alice Bellante   

I più recenti

Arriva il semaforo anti-distratti da smartphone: prime installazioni in Italia. Come funzionano
Arriva il semaforo anti-distratti da smartphone: prime installazioni in Italia. Come funzionano
La tecnologia come motore dello sviluppo turistico: al via il progetto AltrOVEST Sardinia
La tecnologia come motore dello sviluppo turistico: al via il progetto AltrOVEST Sardinia
Perché in futuro l’uso dell’automobile potrebbe essere un privilegio per pochi
Perché in futuro l’uso dell’automobile potrebbe essere un privilegio per pochi
Trasporto 3D, un centro di competenze internazionale per rivoluzionare la mobilità
Trasporto 3D, un centro di competenze internazionale per rivoluzionare la mobilità
thunderbird

Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Sergio d'Arpa

Esperto di supercalcolo, fondatore e CEO di Klinik Sankt Moritz AG, la prima...

Simone Trebbi

Racconta imprese innovative e sostenibili, capaci di avere un impatto concreto...

Carlo Occhinegro

Scrive di storie dell'innovazione, dei protagonisti del mondo dell'imprenditoria...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo digitale.

Innova Italia

Storie, persone, idee del mondo imprenditoriale italiano che guarda al futuro