Regno Unito al lavoro per coniare un NFT di Stato. Ecco cosa vuole ottenere Londra

Il non fungible token dovrebbe arrivare entro l'estate e sarebbe parte di una strategia più ampia per far diventare il Paese un protagonista nel mondo delle criptovalute

Gran Bretagna al lavoro per coniare un NFT di Stato
Foto Ansa
TiscaliNews

Il governo del Regno Unito ha annunciato l'intenzione di coniare un proprio Nft come parte di una spinta per diventare un "leader mondiale" nello spazio delle criptovalute.

Il Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak - scrive Cnbc - ha chiesto alla Royal Mint, la società di proprietà del governo responsabile del conio di monete per il Regno Unito, di creare ed emettere un token digitale "entro l'estate" e che "ci saranno più dettagli disponibili molto presto".

Gli Nft sono certificati digitali che rappresentano la proprietà di un oggetto virtuale come un'opera d'arte e utilizzano la tecnologia blockchain, alla base di molte criptovalute.

Hanno guadagnato molta popolarità nell'ultimo anno grazie alla maggiore adozione da parte di celebrità, grandi aziende e del mondo del calcio.

L'iniziativa Nft del Regno Unito fa parte di uno sforzo più ampio del governo per "aprire la strada" nel settore delle criptovalute, secondo John Glen, il ministro del Tesoro che ha annunciato una serie di misure che il paese intraprenderà per le risorse digitali, da quelle normative a quelle fiscali, compresa l'istituzione di un gruppo criptovalute che sarà presieduto da ministri e membri ospitanti delle autorità di regolamentazione e delle aziende crittografiche del Regno Unito.

"Non dovremmo pensare alla regolamentazione come a una cosa statica e rigida - ha aggiunto Glen - dovremmo pensare in termini di 'codice' normativo, come il codice del computer, che perfezioniamo e riscriviamo quando necessario".