La svolta del New York Times: articolo venduto a 560mila dollari nel mercato dei Non fungible token

Il ricavato andrà in beneficienza ad una associazione che si occupa di persone bisognose

La svolta del New York Times: articolo venduto a 560mila dollari nel mercato dei Non fungible token
TiscaliNews

Dopo Twitter, anche il New York Times si lancia nel mercato dell'Nft, i Non fungible token, dei certificati digitali che si basano sulla blockchain e stanno diventando una vera febbre tecnologica per collezionisti (clicca qui per capire meglio cosa sono). 

Un editorialista della testata della Grande Mela ha venduto uno dei suoi articoli in formato Nft per 563.000 dollari che andranno in beneficienza ad una associazione che si occupa di persone bisognose.

L'articolo, a firma di Keven Roose, è intitolato "Compra questa colonna sulla Blockchain": l'esperimento è stato fatto per testare il mercato e capire quali articoli si possono vendere sotto forma di Non fungible token.

"Il vantaggio più grande di tutti è possedere un pezzo di storia. Questo è il primo articolo in quasi 170 anni di vita del Times ad essere distribuito come Nft, possederlo potrebbe equivalere ad avere la prima trasmissione televisiva della Nbc o il primo indirizzo email di Aol", spiega Roose nel suo editoriale.

Alla fine dell'asta di 24 ore, un collezionista che si fa chiamare Farzin si è aggiudicato l'articolo con 350 Ethereum, una delle principali criptovalute, pari al valore di 563.000 dollari che vanno all'associazione Neediest Cases Fund.

Pochi giorni fa Jack Dorsey, uno dei fondatori di Twitter, ha venduto il suo primo tweet, anche questo un cimelio tecnologico, in forma di Non fungible token a 2,9 milioni di dollari (andati in beneficienza); mentre la casa d'aste Christie's ha venduto un'opera completamente digitale dell'artista Beeple per 69 milioni di dollari, pure questa registrata con un Nft.