Il Mit cambia la storia dell'acqua potabile: si potrà produrre dal mare con un dispositivo portatile

L'unità di desalinizzazione portatile è un miracolo della tecnologia e pesa meno di 10 chilogrammi

Il Mit cambia la storia dell'acqua potabile: si potrà produrre dall'acqua del mare con un dispositivo portatile
Foto Wikipedia
TiscaliNews

I ricercatori del MIT hanno sviluppato un'unità di desalinizzazione portatile, del peso di meno di 10 chilogrammi, in grado di rimuovere particelle e sali per generare acqua potabile. 

Il dispositivo, delle dimensioni di una valigia, richiede meno energia per funzionare rispetto a un caricabatterie per cellulare. Può genera automaticamente acqua potabile che supera gli standard di qualità dell'Organizzazione con la semplice pressione di un pulsante.

A differenza di altre unità di desalinizzazione portatili che richiedono il passaggio dell'acqua attraverso i filtri, questo dispositivo utilizza l'energia elettrica per rimuovere le particelle dall'acqua potabile. L'eliminazione della necessità di sostituire i filtri riduce notevolmente i requisiti di manutenzione a lungo termine.

Ciò potrebbe consentire all'unità di essere schierata in aree remote e con risorse limitate, come comunità su piccole isole o a bordo di navi mercantili marittime. Potrebbe anche essere utilizzato per aiutare i rifugiati in fuga da disastri naturali o dai soldati che svolgono operazioni militari a lungo termine.

“Questo è davvero il culmine di un viaggio di 10 anni che io e il mio gruppo abbiamo intrapreso. Abbiamo lavorato per anni sulla fisica dietro i singoli processi di desalinizzazione, ma mettere tutti questi progressi in una scatola, costruire un sistema e dimostrarlo nell'oceano, è stata un'esperienza davvero significativa e gratificante per me" ha affermato il capo progetto, Jongyoon Han, professore di ingegneria elettrica, informatica e biologica al MIT.