Bonus connettività: internet veloce per le fasce più deboli. E' boom di richieste. In arrivo la fase 2 per gli altri redditi

Le famiglie con ISEE fino a 50.000 euro avranno un contributo di 200 euro per connessioni veloci. Mentre le imprese avranno un contributo di 500 euro fino a 2.000 euro

Bonus connettività: internet veloce per le fasce più deboli. E' boom di richieste. In arrivo la fase 2 per gli altri redditi
TiscaliNews

In poco meno di un mese dall'avvio del bonus connettività per pc, tablet e connessione internet a banda ultralarga, sono arrivate oltre 54.800 richieste di prenotazione e risultano attivati 3.100 voucher da 500 euro da parte di 19 diversi operatori. Sono i dati resi noti da Infratel, la società del ministero dello Sviluppo economico che gestisce il progetto, che sottolinea come dopo tre settimane risulti prenotato oltre il 13% delle risorse disponibili pari a circa 200 milioni.

Il bonus, nato sull'onda dello smart working e della didattica a distanza obbligati dall'emergenza Covid, è destinato ai cittadini con Isee inferiore a 20.000 euro. I 500 euro sono distribuiti tra i servizi di connettività (per un importo compreso tra 200 e 400 euro) e personal computer o tablet (tra 100 e 300 euro).

Scopri l'offerta internet di Tiscali dedicata alle famiglie 

Gli operatori che hanno presentato finora domanda per essere accreditati attraverso la piattaforma sono 200, ma solo 151 attualmente hanno completato con successo il processo di accreditamento e risultano quindi idonei a partecipare alla fase operativa della misura. Ad oggi, sono state presentate un totale di 935 offerte da 97 diversi operatori. Di queste, 420 - relative a 64 diversi operatori - sono state approvate dal team dedicato di Infratel Italia. Di contro, 412 offerte sono state rifiutate a causa di clausole contrattuali difformi da quanto indicato in convenzione (es. rinnovo tacito alla scadenza del contratto), livelli di servizio non sufficienti (es. banda upload), dispositivi tablet o pc non in linea con le specifiche tecniche minime richieste.

"Con la fase uno del piano voucher per la connettività di Mise e Infratel Italia assicurano alle fasce più deboli della popolazione connessioni a banda ultralarga e dispositivi di qualità in modo rapido per rispondere all'emergenza sanitaria in atto", commenta l'amministratore delegato di Infratel Italia, Marco Bellezza. Il governo ha già annunciato la fase due, con un ampliamento alle famiglia con fasce di reddito più alte e alle imprese, finora escluse dalla misura. Le famiglie con ISEE fino a 50.000 euro avranno un contributo di 200 euro per connessioni veloci ad almeno 30 Mbit/s s (tutte le tecnologie incluso satellite). Mentre le imprese avranno un contributo di 500 euro fino a 2.000 euro per i servizi di connettività ad almeno 30 Mbit/s o a 1Gbit/s, in base alla tipologia di rete presente nelle relative sedi.

Scopri l'offerta internet di Tiscali dedicata alle aziende