Ecco la scuola sulle Smart Cities per imparare a vivere nelle città di domani

Il Tomorrow’s Cities Lab ha organizzato la International Smart Cities School, evento gratuito che si svolgerà dal 20 al 29 novembre interamente online

Ecco la scuola sulle Smart Cities per imparare a vivere nelle città di domani

Il Digital Italy Summit 2020 organizzato da The Innovation Group a fine ottobre ha confermato che l’Italia sta accelerando sul fronte della Banda Ultralarga e del 5G. Tecnologie destinate a trasformare profondamente stili di vita e centri urbani.

All’evento hanno partecipato alcuni dei più importanti protagonisti del settore delle telecomunicazioni italiane. L’amministratore delegato di Tim, Luigi Gubitosi, quello di Tiscali, Renato Soru, e quello di Fastweb, Alberto Calcagno. Quest’ultimo ha posto l’accento sulla necessità di lavorare non solo sulle infrastrutture di rete ma anche “sulla alfabetizzazione digitale” di cittadini e imprese. Sulla stessa lunghezza d’onda Soru secondo cui “l’acquisizione di competenze digitali è fondamentale per restare competitivi” sui mercati internazionali.

Un evento che risponde alla necessità evidenziata da Calcagno e Soru è sicuramente la International Smart Cities School organizzata dal Tomorrow’s Cities Lab in collaborazione con Fondazione di Sardegna, ESRI Italia e Smart Cityness Festival.

Appuntamento che a causa dell’emergenza Covid19 sarà interamente online e che prevede 10 giorni di formazione sulle tecnologie che stanno alla base delle smartcities con l'obiettivo di fornire ai partecipanti strumenti e capacità per operare nelle città di domani.

La scuola si svolgerà da venerdì 20 novembre a domenica 29 novembre 2020 e prevede ben 34 webinar che  si concentreranno su casi studio di città europee, approfondimenti teorici e approcci pratici su prodotti e soluzioni aziendali.

Ci saranno poi 24 ore di Coworking Lab, concepiti come momenti di progettazione e pianificazione interdisciplinare, e diversi Keynote. Tutti gli eventi sono gratuiti. Maggiori informazioni sul programma e sulle modalità di partecipazione sono disponibili online (vai al sito della International Smart Cities School).

“La Scuola si propone di distinguersi grazie ad un approccio interdisciplinare e multistakeholder alla materia” ha spiegato a Tiscali News il direttore scientifico, Luigi Mundula. “L’obiettivo  - ha proseguito - è però anche quello di creare un ecosistema di accademie, istituzioni e imprese al fine di far nascere opportunità di networking, fondamentali per il trasferimento di conoscenze”. “Ogni anno  - ha concluso - la Scuola affronta il concetto di smart city da un punto di vista diverso. Il tema del 2020 è dedicato alle Energie della e per la città”.