Tiscali.it
SEGUICI

L'ascesa delle macchine: i limiti dell’automazione al confronto con le persone

Indubbiamente si sono verificati cambiamenti davvero rivoluzionari nel modo in cui le persone comunicano, cercano informazioni, organizzano, elaborano dati e si intrattengono. Ma l'idea che il rapido cambiamento tecnologico avvenuto negli ultimi decenni in alcuni settori dell'economia abbia accelerato la trasformazione del sistema economico è un dato di fatto.

Alice Bellantedi Alice Bellante   
L'ascesa delle macchine: i limiti dell’automazione al confronto con le persone

Per decenni, le discussioni economiche e politiche sui mercati del lavoro e sulla tecnologia hanno teso a concentrarsi su come le variazioni dei salari riflettessero le competenze dei lavoratori, dove "competenza" era considerata sinonimo di "abilità cognitiva", con il livello di istruzione formale di un lavoratore come approssimativo indicatore dell'abilità cognitiva. L'analisi standard prevedeva che i progressi nelle tecnologie dell'informazione e della comunicazione avessero contribuito ad aumentare i redditi dei lavoratori e ridotto quelli di tutti i lavoratori meno istruiti e poco qualificati. Ma non è questo che è successo.

Le ricerche degli economisti David Autor, David Dorn e altri dimostrano che la domanda di varie occupazioni in risposta alla tecnologia non cambia in una semplice relazione lineare con le competenze del lavoratore, ma dipende dalla natura dei compiti che il lavoratore deve svolgere. I lavori nelle occupazioni di servizio, come la preparazione dei cibi, le pulizie e i lavori di pulizia, la manutenzione, l'assistenza sanitaria di persona e la sicurezza, comportano compiti manuali e non routinari. Molte mansioni manuali non routinarie sono molto difficili da automatizzare o da esternalizzare, in quanto richiedono la presenza fisica diretta del lavoratore, per cui queste figure professionali continuano ad essere richieste e i loro salari rimangono solidi anche sulla scia dei progressi tecnologici.

Indubbiamente si sono verificati cambiamenti davvero rivoluzionari nel modo in cui le persone comunicano, cercano informazioni, organizzano, elaborano dati e si intrattengono. Ma l'idea che il rapido cambiamento tecnologico avvenuto negli ultimi decenni in alcuni settori dell'economia abbia accelerato la trasformazione del sistema economico è un dato di fatto.

In effetti, la crescita della produttività economica nei Paesi industriali secondo la misura standard di crescita della "produttività totale dei fattori", la quale valuta la produttività dividendo la produzione totale, o output, per i suoi costi, o input, è stata notevolmente più lenta negli ultimi decenni rispetto a quella registrata tra l'inizio del XX secolo e il 1970. Quasi tutti i Paesi sviluppati hanno registrato una sostanziale decelerazione della crescita della produttività a partire dal 1980.   

Nel frattempo, l'offerta di lavoratori per mansioni manuali e non routinarie è diminuita notevolmente nei Paesi industrializzati ricchi, grazie alla drastica riduzione della fertilità e all'aumento dei livelli di istruzione. Il numero di posti di lavoro aperti è sempre più sfasato rispetto al numero di candidati nazionali disponibili a ricoprirli.

L'aumento di oltre mille miliardi della potenza di calcolo nell'ultimo secolo ha cambiato radicalmente le occupazioni in cui le persone svolgevano compiti di routine e ripetitivi. Le donne afroamericane che hanno reso possibile lo sbarco sulla Luna (e che sono state rese famose nel film Hidden Figures) hanno lavorato per la NASA come "computer", eseguendo numerosi calcoli che ora le macchine possono eseguire in un istante. Non ci sono più computer umani, e le macchine chiamate computer sono solo nettamente più efficaci degli esseri umani nel calcolo. Ma per molti compiti, nessun aumento della potenza di calcolo li renderà più adatti a essere svolti dalle macchine. Le macchine non sono migliori per la cura della persona, non sono migliori per la cucina e non saranno necessariamente migliori delle persone per la guida dei camion.

Secondo un'opinione diffusa in Occidente, i governi delle società ricche non hanno bisogno di portare più lavoratori nei loro Paesi. Semmai, possono comodamente alzare le barriere, dato che il progresso tecnologico distrugge i cosiddetti lavori poco qualificati. Ma le cose non stanno proprio così.

Alcuni cambiamenti tecnologici sono guidati dai progressi della scienza di base. Spesso le discussioni sul futuro del lavoro partono dal presupposto che il percorso e lo schema del cambiamento tecnologico siano già determinati e che gli effetti sui posti di lavoro e sui lavoratori siano solo conseguenze naturali dell'inevitabile progresso della scienza. Ma gli economisti hanno sviluppato una comprensione sempre più sfumata di come il cambiamento tecnologico abbia rimodellato i mercati del lavoro e i salari e di come l'innovazione sia una conseguenza, e non solo una causa, dei costi che le imprese devono affrontare.

Alice Bellantedi Alice Bellante   
I più recenti
L'Intelligenza Artificiale alla portata di tutti: come Spark sta conquistando anche gli...
L'Intelligenza Artificiale alla portata di tutti: come Spark sta conquistando anche gli...
Presidenziali USA, la potenza finanziaria di Elon Musk a sostegno di Trump: la cifra è incredibile
Presidenziali USA, la potenza finanziaria di Elon Musk a sostegno di Trump: la cifra è incredibile
Due italiane vincono l'oscar europeo per la matematica. Chi sono e dove lavorano
Due italiane vincono l'oscar europeo per la matematica. Chi sono e dove lavorano
Innovation roadshow 2024, il tour nazionale dedicato all'innovazione fa tappa a Pesaro
Innovation roadshow 2024, il tour nazionale dedicato all'innovazione fa tappa a Pesaro
thunderbird
Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Sergio d'Arpa

Esperto di supercalcolo, fondatore e CEO di Klinik Sankt Moritz AG, la prima...

Simone Trebbi

Racconta imprese innovative e sostenibili, capaci di avere un impatto concreto...

Carlo Occhinegro

Scrive di storie dell'innovazione, dei protagonisti del mondo dell'imprenditoria...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo digitale.

Innova Italia

Storie, persone, idee del mondo imprenditoriale italiano che guarda al futuro